Information

Populate the side area with widgets, images, and more. Easily add social icons linking to your social media pages and make sure that they are always just one click away.
 

Gruppo Base

Il Gruppo di Integrazione Somatica (GIS) è un’esperienza terapeutica di piccolo gruppo che si pone in posizione intermedia fra l’esperienza terapeutica individuale e la cura di sé nell’ambiente di vita personale. Questa esperienza ha diversi motivi d’interesse: essere seguiti personalmente dal terapista, sperimentare pratiche interattive altrimenti non proponibili nella pratica individuale, scambiare le esperienze all’interno del piccolo gruppo.

Nelle esperienze corporee previste il movimento umano si caratterizza come gesto espressivo, unitario e coinvolto di relazione con lo spazio di esperienza. Queste proprietà del movimento umano sono il terreno naturale in cui crescono e si rinnovano l’integrità e il benessere personale, all’interno del contesto di vita.

Ma nel corso della vita, a seguito di un trauma o per l’usura delle attività, le forme del movimento tendono progressivamente a regredire verso l’impoverimento, l’irrigidimento e la perdita di sensibilità. Questo decadimento della qualità gestuale, di cui spesso non si ha coscienza, è una condizione per il cronicizzarsi di una sofferenza che non riguarda solo il corpo fisicamente inteso.

Si rende quindi necessario un percorso di integrazione somatica, che permetta di recuperare le tessere di quella integrità che sono andate disperse e abbandonate. Il filo di questo percorso è l’analisi somestesica del gesto, modalità di indagine sui fenomeni somatici. Grazie all’analisi somestesica è possibile rilevare e chiarire zone d’ombra, distorsioni percettive, sintomi e disagi; e di conseguenza scoprire nuove percezioni e qualità, aprirsi alla consapevolezza espressiva, regolare e modificare positivamente le sofferenze.

L’esperienza delle Forme gestuali, per anni condotta nella modalità della terapia individuale, viene adesso proposta nella modalità del piccolo gruppo, piccola comunità empatica che sostiene, scambia e motiva positivamente le pratiche dell’integrazione somatica personale.

CONTENUTI GENERALI


Temi di esperienza.
ciascun incontro è focalizzato su un tema. Principali temi del corso:
– orientarsi all’esperienza somestesica
– risveglio e integrazione del Situarsi
– risveglio e integrazione del Sostenersi e del Crescere
– risveglio e integrazione dell’Aprirsi e Raccogliersi
– risveglio e integrazione del Rivolgersi

Forme gestuali.
Le forme gestuali sono movimenti espressivi dotati di qualità somestesiche e affettive consapevoli, con cui il corpo sperimenta l’integrità delle sue relazioni interne, e la sua integrazione con lo spazio di esperienza. Le forme gestuali si sviluppano e si affinano grazie all’analisi somestesica, alle regolazioni delle fasi temporali, alle tessiture fra i diversi luoghi corporei, alle strategie di risalto espressivo.

Ritmi Autocinetici.
I ritmi autocinetici sono movimenti ritmici spontanei del corpo nella sua globalità. Essi riequilibrano il tono generale del corpo, scaricando le tensioni somatiche e affettive accumulate, e dando energia alle aree tonicamente deficitarie.

Distensione tonale.
Gli squilibri tonici locali e globali del corpo sono il terreno predisponente per la gran varietà di sofferenze che vanno dal disagio, alla dolenzia, al dolore acuto. La consapevolezza della tonalità somestesica e affettiva, associata alle diverse forme del respiro intenzionale, facilitano lo scioglimento dei nodi ipertonici e un clima disteso del campo somatico.

Intercorporeità.
L’interazione del corpo proprio con il corpo dell’altro permette di sperimentare le qualità gestuali nel contesto di una relazione significativa e giocosa. Il contatto con l’altro genera nuove qualità somestesiche, dinamiche complesse, scambi di stimoli e sensazioni, che favoriscono l’intensità espressiva e l’adattabilità regolativa dell’esperienza corporea.